Come proteggere la casa dai ladri

Estate, tempo di vacanze: gli uffici chiudono, le città si svuotano e… i topi d’appartamento ballano! I furti nelle abitazioni infatti, statistiche alla mano, risultano aumentare in maniera esponenziale nel periodo compreso tra luglio ed agosto, ma la verità è che si tratta di un fenomeno che riguarda tutto l’anno. Ecco perché, per poter godere pienamente delle meritate ferie, di qualunque periodo si tratti, senza l’assillo di che cosa potrebbe accadere in nostra assenza, diventa di fondamentale importanza lasciare “in sicurezza” la propria casa.

Come proteggere la casa dai ladri? Prima di tutto è consigliabile dotare l’abitazione di sistemi di protezione passiva (porta d’ingresso blindata, finestre rinforzate, vetri anti-sfondamento). Fatto questo, sarà il caso di installare uno dei cosiddetti sistemi di protezione attiva, ovvero gli impianti elettronici capaci di rilevare la presenza di intrusi in casa o, nei sistemi più evoluti, anche il semplice avvicinamento dall’esterno. Vediamo di districarci un attimo tra le varie opzioni offerte dal mercato.

Tutti i sistemi di sicurezza presentano tre elementi essenziali: la centrale, completa di accumulatore e batteria per consentire all’impianto di funzionare anche in assenza di energia elettrica; i rilevatori, per captare i tentativi di intrusione; i dispositivi d’allarme, che possono essere locali, come le sirene, o remoti, ossia dei combinatori telefonici che avvisano immediatamente i diretti interessati e, previa autorizzazione, anche gli organi di polizia. Esistono sistemi d’allarme perimetrali e volumetrici, a seconda che difendano la casa dall’esterno o dall’interno. Entrambi i sistemi  possono essere cablati o wireless, vale a dire con o senza fili.

Esistono poi anche impianti d’allarme misti (costituiti da una parte cablata ed una funzionante ad onde radio) e impianti integrati (sono quelli che prevedono appunto un’integrazione tra sistemi di protezione passiva e attiva, ad es. la serratura elettronica della porta blindata che si collega con l’antifurto). Ogni proprietario potrà scegliere così la tipologia di antifurto che meglio si adatta alle sue esigenze e alla struttura dell’abitazione.