Come pulire il marmo

Il marmo è un ottimo materiale per i ripiani della cucina e i rivestimenti del bagno, soprattutto perché acquista valore e bellezza nel corso del tempo, è importante utilizzare prodotti naturali per l’eliminazione delle macchie che non solo ne conservano tutte le caratteristiche ma che ci aiutano anche a preservarlo. A questo punto è utile chiedersi come pulire il marmo senza danneggiarlo? È buona norma lucidarlo con un panno asciutto, molto morbido e senza fibre abrasive, utile a rimuovere la polvere; si può anche sciogliere un cucchiaio di bicarbonato in abbondante acqua tiepida e immergervi un panno in microfibra che dovrà essere passato con delicatezza su tutta la superficie, servirà a conferire ulteriore lucidità alla superficie.

In presenza di sporco o macchie incrostate si può creare una soluzione fatta di acqua, fecola di patate e bicarbonato di sodio. Basta mescolare due cucchiai di bicarbonato e un cucchiaio di fecola in abbondante acqua tiepida e passare un panno in microfibra sulla superficie da pulire, se lo sporco non va via allora provate ad applicare un paio di gocce di acqua ossigenata su una spugna da cucina e strofinate con delicatezza. Attenzione a non utilizzare spugnette abrasive.

La regola generale per il marmo è quella di evitare che bevande e cibo rimangano a lungo a contatto con la superficie, passate il prima possibile un panno in microfibra che non lascia pelucchi.