Alimenti in frigo: ogni cosa al suo posto

Vi siete mai chiesti come disporre gli alimenti in frigorifero? Ebbene sì, ci sono delle precise modalità da seguire per conservare il cibo nel modo corretto. Alcune magari le conoscete già, ma ve ne dimenticate per la fretta della quotidianità, altre sono ancora da scoprire. Nel dubbio, rivediamole tutte quante.

Soprattutto d’estate è importante sapere come preservare la bontà e la freschezza di ciò che portiamo a tavola. Vanno messi in frigo gli alimenti cosiddetti deperibili, per ritardarne il deterioramento, si tratta in genere di cibi freschi e crudi. Bisogna tenere conto del fatto che all’interno dell’elettrodomestico la temperatura non è costante, il freddo infatti tende ad andare verso il basso.

Ripiani. Cosa collocare e dove. Il punto più freddo è il ripiano sopra il cassetto di frutta e verdura, l’area più “calda” è invece la porta interna del frigo, dove possiamo collocare bibite, burro, uova (nell’apposito portauova presente in ogni sportello) e condimenti vari. Sul ripiano più alto sistemiamo yogurt, formaggi e affettati, sia freschi che sottovuoto. In quelli intermedi le confezioni di affettato già aperte, i cibi cotti e quelli che devono essere comunque consumati in tempi brevi. La carne cruda ed il pesce, ovviamente, devono essere posti nell’ultimo ripiano.

Una buona abitudine, inoltre, è quella di riporre gli alimenti acquistati più recentemente dietro quelli che sono già in frigo, in modo tale da avere più facilmente sotto controllo l’aspetto legato alla scadenza ed evitare sprechi. Vale la pena controllare periodicamente il corretto funzionamento dell’apparecchio, pulirlo regolarmente e procedere alla sua manutenzione. Non carichiamolo troppo o la sua capacità di raffreddamento verrà ridotta.