Italia al 9° posto nel mondo per impianti eolici

Il 15 giugno si è celebrato il Global Wind Day, la giornata mondiale del vento, istituita per promuovere l’utilizzo delle energie rinnovabili, in particolar modo quella eolica. I dati rilevati sono molto incoraggianti e mostrano l’Italia al nono posto nel mondo per impianti eolici (quinto paese in Europa, dove svetta su tutti la Gran Bretagna).

Secondo l’Associazione Wind Europe, nel 2015 le nuove installazioni di energia eolica hanno addirittura superato quelle di gas e carbone messe insieme. Le turbine presenti in Europa riescono a soddisfare oltre l’11% della domanda energetica totale.

Tra l’altro, hanno avuto inizio da poco i lavori per la realizzazione del parco offshore più grande al mondo, a 120 km dalla costa dello Yorkshire, in Inghilterra. Una volta terminato, sarà in grado di fornire energia ad un milione di abitazioni.

Il Presidente dell’Anev (Associazione nazionale energia del vento), Simone Togni, sottolinea però che nel nostro paese si vive attualmente una situazione di stallo per i ritardi legati all’attuazione del decreto sulle rinnovabili non fotovoltaiche: “Urge che l’Italia si adegui agli standard di altri paesi europei, come Germania e Danimarca, in materia di rinnovamento del parco eolico”. Un rinnovamento in tal senso porterà benefici sia all’economia che all’ambiente.