Muri presenti nelle abitazioni

Esistono due tipi di muri presenti nelle abitazioni: i muri portanti e i muri divisori. È importante fare questo tipo di distinzione in quanto i lavori di costruzione o ristrutturazione possono essere realizzati solo nel caso dei muri divisori che, tra l’altro, possono essere realizzati con semplici lavori di fai da te e senza la richiesta di autorizzazioni. Vediamo nel dettaglio le differenze.

I muri portanti sostengono il peso di tutto l’edificio e posso trovarsi esternamente o internamente, i materiali utilizzati per la realizzazione sono i blocchi in calcestruzzo con armatura metallica, la pietra o il laterizio. Non è possibile realizzare lavori sui muri portanti senza prima la verifica di personale qualificato o di specifiche autorizzazioni, il rischio è quello di compromettere la stabilità dell’intera struttura.

I muri divisori sono definiti così proprio per la loro funzione divisoria degli spazi all’interno delle abitazioni. Non hanno il compito di scaricare a terra il peso, quindi possono essere modificati a seconda della necessità senza rischiare di compromettere la struttura dell’edificio. I materiali di realizzazione sono i più svariati: fibrocemento, legno, cartongesso, ecc. In questo caso è possibile effettuare dei lavori senza particolari aiuti da parte di professionisti, come per la costruzione di pareti divisorie in cartongesso.